flipped classroom

Immagine Il mestiere del formatore e l’intelligenza artificiale generativa

Il mestiere del formatore e l’intelligenza artificiale generativa

A distanza di poche settimane dal mio precedente contributo per formaFuturi, gli strumenti di Intelligenza Artificiale Generativa (IAG) si sono moltiplicati. Ora ChatGPT-4 affianca ChatGPT-3, vantando un numero di parametri (i pesi numerici che determinano il comportamento della rete neurale) 571 volte maggiore della versione precedente. Microsoft ha incorporato ChatGPT in Bing. Google ha annunciato Bard (per ora solo in USA) e anche Elon Musk ha annunciato lo sviluppo di un suo strumento di IAG. Questi modelli ci offrono in modo facile ed immediato un potere di analisi e creazione di testo e immagini senza precedenti, ma in che modo questi strumenti cambieranno il mestiere del formatore?
Immagine Flipped now!

Flipped now!

La recente svolta pandemica ha portato i progettisti di formazione e i docenti a mettersi in discussione. I modelli classici, che vedono un’alternanza tra didattica d’aula, esercitazione (in presenza o a distanza) e studio individuale, hanno mostrato molti limiti, nel nuovo contesto in cui, a volte, viene meno l’interazione in presenza e la partecipazione al corso, attraverso gli schermi dei computer, è molto più difficile.